Boldrini «Chi bullizza dovrebbe andare a visitare Auschwitz»

«I fatti verificatisi nella scuola media, con alunni adolescenti che hanno urlato a un compagno ebreo che quando saranno grandi faranno riaprire Auschwitz per ‘ficcarli’ tutti nei forni, fanno rabbrividire e allarmare. Siamo oltre il bullismo e oltre il razzismo. Ci impongono una riflessione tanto seria quanto celere per evitare una deriva. Non basteranno le scuse degli studenti per pacificare la questione, e neanche quelle delle famiglie, perché la leggerezza con cui è stata pronunciata la minaccia, chiamando in causa Auschwitz e i forni crematori, ci dice chiaramente che c’è inconsapevolezza della storia. Che c’è insensibilità, prepotenza. E non si possono derubricare avvenimenti di questo tipo a ragazzate. Un simile episodio è da stigmatizzare ovunque. Ferisce che avvenga in un territorio, come Ferrara, dove c’è il massimo rispetto per la cultura ebraica. Dove abbiamo realtà, come l’Istituto di Storia Contemporanea, quotidianamente impegnate nella divulgazione della ricerca, della conoscenza, con attività mirate rivolte alle scuole. Comprese le visite ai campi di concentramento, dove i giovani in questione dovrebbero andare a loro volta, per vedere coi loro occhi, per ravvedersi. A Ferrara, dove, fatto non trascurabile, c’è il Meis. È evidente che l’hate speech, il cosiddetto odio in rete, si sta diffondendo fuori dalla rete e non c’è più timore di nulla. Sta diventando incontrollato. È stato sdoganato. Sottoporrò il fatto alla commissione di cui sono membro perché l’unione di razzismo e bullismo, la loro rispettiva degenerazione, deve essere arginata».

Paola Boldrini,  membro per il Senato nella Commissione Bicamerale Infanzia e Adolescenza