Boldrini, interrogazione su Cispadana

Cispadana. Un’interrogazione al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, per avere certezze sulla realizzazione dell’opera, che rientra tra quelle sbloccate e finanziate – per 1,3 miliardi di euro – dal precedente Governo. E’ quella depositata dalla senatrice Pd, Paola Boldrini, firmata anche dai colleghi Teresa Bellanova, Stefano Collina, Vanna Iori, Daniele Manca, Matteo Richetti. Boldrini, premettendo che nel 2015 è stato sottoscritto il Patto per il Lavoro, che coinvolgendo tutti i soggetti economici mira a far convergere risorse e progetti per creare sviluppo e occupazione sul territorio dell’Emilia-Romagna;  rilevando come un confronto tra primo trimestre 2015 e primo trimestre 2017 evidenzi, grazie al Patto, «oltre 81mila nuovi posti di lavoro»; sottolineando che la Cispadana è «percepita come elemento cruciale del Patto stesso e fattore irrinunciabile per rafforzare lo sviluppo sostenibile del territorio»; puntualizzando che molte aziende, «nonostante le criticità dovute al terremoto del 2012, anziché andare via sono rimaste perché hanno creduto nel progetto infrastrutturale messo in campo dalla Regione Emilia Romagna e dagli altri interlocutori», chiede cosa il Governo «intenda fare – si legge testuale nel documento – affinché le opere programmate vengano finalmente realizzate, pena il venir meno di un trend di crescita e di sviluppo socio-economico ad oggi molto positivo per la regione Emilia Romagna». Il commento della senatrice : «Non si può essere sordi al lavoro delle istituzioni, ai sacrifici compiuti da molte imprese, alle richieste delle associazioni di categoria. Il nostro territorio, senza Cispadana, è destinato al depauperamento».