Torneo delle Tre Cime ad Auronzo di Cadore

Dopo la promozione in Serie B, la Spal ha deciso di scegliere Auronzo di Cadore come location per il suo ritiro estivo.
La squadra ferrarese si è allenata, sotto le Tre Cime, dal 23 al 31 luglio. Inoltre, durante il ritiro, è avvenuta l’amichevole con la SS Lazio, valida per la prima edizione del “Trofeo Tre Cime di Lavaredo”.
Prima della partita, dalle ore 16.00, si è svolta l’esibizione del Palio di Ferrara. All’evento era presente anche l’On. Boldrini.

Ecco alcune immagini:

 

Allegati
Ente Palio Ferrara 
News | SPALferrara.it

Conferenza stampa Emendamento sulle concessioni demaniali

“Conferenza stampa con i Colleghi del Partito Democratico Arlotti, Fregolent e Misiani per l’annuncio dell’approvazione alla Camera dell’emendamento al decreto Enti locali sulle concessioni demaniali marittime e la proroga, così come presentato dal relatore. Ora il decreto, dopo il voto di domani, arriverà al Senato per l’approvazione definitiva e la conversione entro la pausa estiva (ultima data per la conversione è il 23 agosto).
Entro breve inoltre il Governo approverà il progetto di legge delega sul demanio marittimo in Consiglio dei ministri per incardinarlo in Parlamento. Il sottosegretario Sandro Gozi il 21 avvierà il confronto con l’Unione europea e proseguirà al contempo il confronto con le categorie economiche.
Stiamo andando avanti come preannunciato in tempi velocissimi per una soluzione definitiva che dia al settore balneare le giuste opportunità di innovazione e valorizzazione degli investimenti, rendendo sempre più attrattive le nostre destinazioni turistiche.
L’emendamento rende validi i rapporti già instaurati e pendenti, ovvero le concessioni in atto degli stabilimenti balneari, “nelle more della revisione e del riordino della materia in conformità ai principi di derivazione comunitaria”, per “garantire certezza alle situazioni giuridiche in atto, e assicurare l’interesse pubblico all’ordinata gestione del demanio”. Lo stesso emendamento elimina l’attuale termine del 30 settembre 2016, entro il quale, in base a quanto stabilito dalla legge di Stabilità 2016, sarebbe dovuta arrivare la riforma del comparto dei canoni demaniali marittimi. Il termine temporale viene ad essere la nuova riforma delle spiagge con i decreti attuativi”.
#opencamera 

Ecco alcune immagini:

 

Presentazione del film “La Notte Non Fa Più Paura”

La notte non fa più paura” è il titolo del primo film che vede come protagonista il tragico terremoto avvenuto nel 2012 in Emilia Romagna. Il film verrà presentato oggi, lunedì 18 luglio alle 17.30 alla Camera dei Deputati, nella Sala del Refettorio, via del Seminario, 76, da Palma Costi e Paola Gazzolo, assessore rispettivamente alle attività produttive e alla difesa del suolo dell’Emilia Romagna, da Vasco Errani e da Franco Gabrielli. Seguirà la proiezione dell’opera. L’iniziativa è stata organizzata dai parlamentari PD dell’Emilia Romagna.

Ecco alcune immagini:

 

Audizione Commissione Esteri Dott.ssa Flavia Bustreo

Oggi grande momento di soddisfazione durante l’audizione della Dott.ssa Flavia Bustreo, Vice-Direttora Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, organizzata dalla Collega Pia Locatelli coordinatrice del gruppo di lavoro ‘Salute globale e diritti delle donne’. Per l’occasione ho consegnato la mia proposta di legge sulla Medicina di Genere quale primo momento di collaborazione tra l’OMS e l’Intergruppo delle Parlamentari” ‪#‎grandimomenti‬ – questo il commento dell’On. Boldrini durante l’audizione alla Commissione Affari Esteri per discutere di salute delle donne e migrazione.

Ecco alcune immagini:

13668949_10204973608578687_4938602667732116426_n 13700015_10204973609098700_1803082042485096700_n

Alloggi della Difesa, interrogazione al Ministro

L’On. Boldrini, assieme ad altri 15 parlamentari del PD, + co-firmataria dell’interrogazione al Ministro della Difesa, sen. Roberta Pinotti, per porre all’attenzione l’annoso problema degli alloggi della difesa.

Ecco, di seguito, il testo dell’interrogazione:

Atto Camera Interrogazione a risposta scritta 4-13785 presentato da LACQUANITI Luigi testo di Mercoledì 13 luglio 2016, seduta n. 653

LACQUANITI, DI SALVO, MARCHI, CARRA, GIUDITTA PINI, PAOLA BOLDRINI, SBERNA, FEDI, CARROZZA, ZANIN, LAVAGNO, COMINELLI, FUSILLI, PAOLO ROSSI, COVA e RIBAUDO

— Al Ministro della difesa.
— Per sapere
– premesso che:

il piano annuale di gestione del patrimonio abitativo in dotazione al Ministero della difesa per gli anni 2012-2013, stabilito con decreto del Ministro della difesa del 7 maggio 2014, e il piano annuale di gestione del patrimonio abitativo in dotazione al Ministero della difesa per l’anno 2014, stabilito con decreto del Ministro della difesa del 24 luglio 2015, prevedono (articolo 2, comma 1) categorie protette «meritevoli di tutela» quali «gli utenti il cui nucleo familiare convivente comprenda un portatore di handicap, accertato (…) ovvero i coniugi superstiti, o altro familiare convivente, del personale dipendente deceduto in servizio e per causa di servizio»; a tali categorie dietro istanza si applica, articolo 2, comma 2, del decreto del 7 maggio 2014, il canone «più favorevole all’utente», fatti salvi gli adeguamenti annuali effettuati sulla base degli indici ISTAT; «Possono, inoltre, mantenere la conduzione i coniugi superstiti non legalmente separati né divorziati, nonché i coniugi di personale militare e civile della Difesa titolare di concessione di alloggi di servizio che siano divorziati, ovvero legalmente separati e, per un periodo inderogabile di cinque anni i figli e nipoti di personale militare e civile della Difesa concessionario originario di alloggi di servizio» (articolo 4, commi 2 e 3, del decreto 7 maggio 2014); il Comando forze di difesa interregionale nord di Padova, e il Comando capitale, dal mese di aprile 2016, hanno posto in essere iniziative, a giudizio degli interroganti, ingiustificatamente lesive nei confronti delle predette categorie protette, «meritevoli di tutela»; tali iniziative, sottraggono i benefici già riconosciuti dallo stesso comando a seguito dell’istanza prodotta dai conduttori sulla base degli allegati C e D del decreto ministeriale come se fossero venute meno le condizioni meritevoli di tutela; tra le famiglie colpite da tali iniziative, rientrerebbero perfino i portatori di grave handicap di cui alla legge n. 104 articolo 3, comma 3; gli stessi conduttori, contemporaneamente alla cancellazione «delle condizioni eccezionali di deroga» previste dal decreto del 7 maggio 2014, si sono visti applicare i canoni di mercato di cui al decreto del 16 marzo 2011 (con obbligo di rilascio); il Comando forze di difesa interregionale nord ha una competenza per la gestione degli alloggi di servizio su Friuli Venezia Giulia, Veneto, Trentino Alto Adige e Emilia Romagna; il Comando capitale su Roma e tutto il Lazio, e le lettere inviate ammontano a diverse centinaia; contemporaneamente sono state inviate anche numerose lettere di recupero coatto senza presumibilmente tenere conto «di contemperare tali azioni con la capacità tecnico/amministrativa di procedere al ripristino/utilizzo degli alloggi liberati per una nuova utenza con titolo», secondo quanto disposto dallo Stato Maggiore della Difesa per evitare un danno economico alla stessa amministrazione della difesa; tali azioni appaiono agli interroganti ingiustificate e lesive dei diritti riconosciuti delle «categorie protette» prima menzionate, quali vedove, portatori di handicap, figli, nipoti, conviventi, di personale militare e civile del Ministero della difesa concessionario originario di alloggi di servizio –: se il Ministro interrogato sia a conoscenza dei fatti esposti, e quali iniziative siano state assunte al fine di ottenere la revoca dei provvedimenti intrapresi dal Comando capitale e dal Comando forze di difesa interregionale nord di Padova. (4-13785)

Allegati
Casadiritto.it
> Atto Camera | Camera.it

Convegno Nazionale Medicina di Laboratorio 2020 a Tor Vergata

Si svolge oggi, 5 luglio, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, il Convegno Nazionale dal titolo “Medicina di Laboratorio 2020” presso l’Aula Fleming dell’Università di Roma di Tor Vergata.

L’evento formativo promosso dal Prof. Sergio Bernardini, Responsabile Scientifico dello stesso, ha visto lo svolgimento della tavola rotonda “Quale ruolo per i professionisti di laboratorio nell’era del consolidamento” ponendo l’attenzione al futuro della professione medica.

unnamed (3)

Ecco alcune immagini:

unnamed (1) unnamed (2) unnamed

Allegati
Programma completo

A tu per tu con l’On. Paola Boldrini

Ieri sera a Porotto, presso il Circolo PD Porotto-Mizzana, l’On. Paola Boldrini ha presentato le attività politiche svolte in Parlamento, dall’atto della sua nomina avvenuta nel gennaio 2015.
In forma chiara e diretta, l’On. ha delineato l’iter normativo di una proposta di legge nelle istituzioni camerali e i necessari passaggi intermedi per ogni modifica e integrazione.
In aggiunta, ha enumerato i diversi incarichi svolti nelle commissioni parlamentari e tutte le articolazioni di cui si compone l’attività di deputato.
Si è soffermata principalmente sulle proposte di legge di cui è firmataria, prima fra tutte quella sulla medicina di genere.
Ha interloquito infine con gli intervenuti, rispondendo alle domande e ponendo grande attenzione alle questioni e problematiche da essi sollevate.

paola

Ecco alcune immagini:

 

 

fotodaaggiungere

Professioni socio-educative-sanitarie, approvata la Legge

Approvata la legge “Disciplina delle professioni di educatore professionale socio-pedagogico, educatore professionale socio-sanitario e pedagogista
L’obiettivo principale di questo provvedimento è la valorizzazione delle competenze scientifiche e professionali di educatori e pedagogisti, perché «educatori non ci s’improvvisa» ‪#‎avanticosí‬

Per saperne di più, cliccare qui.

Allegati
Dossier
Testo del DDL
Nuova legge educatori

Risoluzione n. 7-00905 presentata dall’Onorevole Paola Boldrini in Commissione Affari Sociali

L’Onorevole Boldrini ha presentato la risoluzione n. 7-00905 alla Commissione Affari Sociali, di seguito riportata

premesso che:  

            lo stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze, a partire dal 2009, è stato inserito sotto il controllo di gestione della Agenzia industria Difesa al fine di riorganizzarne la missione produttiva e garantire il raggiungimento dell’economia di gestione;  

            in questi sei anni, grazie all’impegno congiunto del personale dello stabilimento e dell’Agenzia, sono stati raggiunti risultati decisamente soddisfacenti;  

            la missione produttiva per rilanciare lo stabilimento è stata individuata nella produzione dei cosiddetti «farmaci orfani» ai quali, in un secondo tempo, è stata aggiunta anche, quella della «cannabis per uso terapeutico»;  

            il valore di mercato dei «farmaci orfani» non è sempre monetizzabile ma nonostante questo lo Stabilimento ha conseguito notevoli miglioramenti nella situazione di bilancio e standardizzato la sua capacità produttiva che risulta, potenzialmente in grado di garantire un ampliamento della sua presenza sul mercato farmaceutico;  

            il particolare stato giuridico dello stabilimento ha consentito di utilizzare competenze specialistiche molto qualificate, con contratti a tempo determinato, che fino ad ora sono stati annualmente rinnovati ma rischiano di essere trasformati in rapporti di lavoro interinale;  

            tenendo presente i risultati raggiunti dallo, stabilimento appare opportuno valutare attentamente tutta una serie di altre possibilità, anche nell’ottica di una ridefinizione dello stato giuridico dello Stabilimento stesso, garantendo allo stesso una soddisfacente autonomia amministrativa e la possibilità di orientare la sua produzione anche verso il mercato europeo,

  impegnano il Governo:

             a soddisfare le esigenze organiche dello stabilimento, riconducibili a circa 30 unità indispensabili per lo svolgimento delle specifiche attività citate in premessa, valutando anche la possibilità di reperire queste risorse umane tra i numerosi esuberi esistenti tra gli organici del personale della Difesa, che risultano tali a fronte della riorganizzazione in atto dello strumento militare, ma che possono rappresentare occasione di utile impiego nelle attività dello stabilimento;  

            a stabilizzare il rapporto di lavoro con lo stabilimento per quelle risorse umane particolarmente qualificate, che anno già decisamente contribuito al raggiungimento degli obiettivi sia produttivi che della economia di gestione, scartando l’ipotesi di ricorrere a forme di lavoro interinale a favore delle possibilità offerte dall’entrata in vigore delle nuove norme relative ai contratti di lavoro a tutele crescenti;  

            a valutare attraverso uno studio elaborato anche attraverso la collaborazione con l’AIFA, Agenzia Italiana del farmaco, la possibilità di sviluppare le storiche potenzialità dello Stabilimento farmaceutico militare quale Hub centrale nazionale per i farmaci oncologici rari, con l’obiettivo della riduzione della spesa sanitaria nazionale.  

Sottoscrittori: Paola Boldrini, Zanin, Scanu, Amato, D’Arienzo, Bolognesi, Ferro, Fusilli, Gelli, Lacquaniti, Lenzi, Marantelli, Miotto, Patriarca, Piazzoni, Salvatore Piccolo, Giuditta Pini, Paolo Rossi, Stumpo

Disposizioni concernenti la sicurezza sul lavoro e la tutela previdenziale nelle Forze Armate

“Disposizioni concernenti la sicurezza sul lavoro e la tutela previdenziale nelle Forze Armate”

Proseguono i lavori concernenti la proposta di legge a tutela della salute, discussa in Commissione Uranio Impoverito. Il Presidente Gian Piero Scanu ha presentato la proposta di legge formulata dalla commissione d’inchiesta – della quale fa parte la stessa Onorevole Paola Boldrini – e sottoscritta da centosessanta deputati appartenenti a vari gruppi.

La proposta prevede che sia l’Inail, quale organo terzo e autonomo, a valutare i rischi cui sono sottoposti i soldati, nonché la tutela previdenziale contro gli infortuni sul lavoro e le malattie delle Forze armate. Grazie a questa proposta, d’ora in avanti i militari potranno accedere a un sistema universalistico in tema di sicurezza sul lavoro, riconoscimento delle malattie professionali, indennizzi e assistenza sanitaria durante tutte le fasi della malattia, correlata all’attività lavorativa.

A oggi, sono oltre duemila i militari che hanno richiesto risarcimenti per patologie correlate a uranio impoverito, amianto, radon e multifattorialità, un terzo dei quali ha ricevuto risposta positiva, mentre gli altri sono in attesa di un verdetto o si sono visti negare il risarcimento.

La priorità della legge è mettere in sicurezza tutti, civili e militari, per questo tra gli obiettivi principali è previsto anche quello di mettere in sicurezza i luoghi di lavoro delle forze armate, assicurando migliori condizioni di vita e di salute anche alle popolazioni civili che vivono nelle vicinanze delle servitù militari.

Rassegna Stampa:

LA STAMPA

http://www.lastampa.it/2016/07/12/italia/cronache/difesa-un-ddl-per-fermare-le-morti-da-uranio-e-il-contenzioso-infinito-jI57evvY1qrVudJ9iDkguO/pagina.html

REPUBBLICA

http://www.repubblica.it/politica/2016/07/12/news/proposta_di_legge_commissione_parlamentare_d_inchiesta_uranio_impoverito_presidente_scanu-143871379/

IL FATTO QUOTIDIANO

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/07/12/uranio-impoverito-nuove-norme-per-le-cause-di-servizio-via-i-comitati-di-verifica-militari-decidera-linail/2899598/

SARDINIA POST

http://www.sardiniapost.it/cronaca/scanu-sia-linail-valutare-le-cause-servizio-dei-militari/

ANSA

http://www.ansa.it/sardegna/notizie/2016/07/12/uranio-da-commissione-ddl-per-controlli_0c233157-a4c4-4f11-b6c5-6f6f8ce9d47f.html

METRO

http://www.metronews.it/16/07/13/uranio-una-legge-tuteler%C3%A0-i-militari.html

DIRE

http://www.dire.it/12-07-2016/64635-uranio-scanu-tutto-il-pd-firmera-la-proposta-della-commissione-sono-sicuro/

BLITZ

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-italia/uranio-impoverito-inail-competente-su-malattie-militari-2508350/

GR1 ore 8 Dal minuto 20′ e 20”

http://www.rai.it/dl/grr/edizioni/ContentItem-9460d9d9-c9c8-4321-92e0-5c2515156642.html

Il servizio del TgR Sardegna (edizione ore 19:30)

http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/basic/PublishingBlock-c9be07a1-4453-4cfd-b296-30d47339bd1a-archivio.html#

L’intervista a Radio Radicale

https://www.radioradicale.it/scheda/481041/intervista-a-gian-piero-scanu-sulla-proposta-di-legge-per-la-tutela-della-salute-dei

Il servizio di Videolina

http://www.videolina.it/video/servizi/101202/uranio-e-poligoni-una-legge-per-la-salute-chiudere-teulada-e-capo-frasca.html

24^ ed. Sagra del pesce di Gorino

E anche quest’anno non ci é scappata la 24 edizione della Sagra del pesce di Gorino. Direi che da quando é iniziata questa sagra non ne ho persa una!!!
Inoltre questo grazioso paese situato alla estrema foce del Po nel parco del Delta é diventato, grazie ad una serie di interventi sul porto, un punto di riferimento per il turismo nautico e camperistico!“.
Questo il commento dell’On. Boldrini in occasione della Sagra del pesce che si è svolta da Sabato 14 Maggio a Domenica 19 Giugno 2016 – dalle ore 19:00
a Gorino – Goro (FE).

Ecco alcune immagini:

 Sagra Del Pesce - Goro

Allegati
Eventi sagre

“Interruzioni”, un libro di Camilla Ghedini

“Interruzioni”, un libro di Camilla Ghedini

Invitata mercoledì 15 giugno a partire dalle ore 18, presso la libreria Arion Testaccio di Roma, l’Onorevole Paola Boldrini ha preso parte alla presentazione dell’opera “Interruzioni”, in compagnia dell’autrice giornalista Camilla Ghedini.

Il libro affronta – come dice il titolo stesso – quattro differenti esempi di non-maternità, casi diversi nei quali il tema viene affrontato coinvolgendo direttamente le protagoniste, attraverso dialoghi o monologhi, facendo emergere tutte le sfumature e tutta la complessità di simili racconti.

“Ho risposto con piacere all’invito di presentazione del libro ‘Interruzioni’ – ha affermato l’Onorevole Boldrini – poiché affronta tematiche fondamentali nel nostro Paese e ancora più nella nostra epoca. Troppo spesso, infatti, parlando di interruzioni di gravidanza e di legge sull’aborto se ne affrontano solo i macro-aspetti, tralasciando approfondimenti fondamentali attorno ai quali ancora non si vuole fare chiarezza, che volutamente rimangono nell’indeterminatezza. Grazie a quest’opera invece, l’autrice lascia affiorare il tema della condivisione, dà voce a situazioni complesse ed estremamente individuali, mostrando punti di vista profondamente diversi. Da ciò si evince come situazioni del genere non si possano considerare univoche, quanto la sensibilità di ciascuno sia fondamentale e irrinunciabile nel parlarne, ma allo stesso tempo quanto ancora occorra lasciare spazio alle parole per far affiorare racconti ed esperienze”.

Prefazione a cura di Marilù Oliva, dialoga con l’autrice la scrittrice Eleonora Mazzoni.

Proseguono le audizioni per la legalizzazione della cannabis

Anche oggi a Montecitorio, nelle Commissioni congiunte Affari Sociali e Giustizia, sono proseguite le audizioni di esperti che stanno portando il proprio contributo al fine di illustrare pro e contro della legalizzazione, della coltivazione, della lavorazione e dell’uso di cannabis e derivati.

Stiamo andando verso una direzione di apertura e di ricerca di consapevolezza, confrontando anche le esperienze di altri Paesi all’estero che già da tempo hanno assunto una propria posizione sul tema della legalizzazione.

Un atteggiamento saggio e competente, per non trascurare la possibilità di utilizzare questa pianta i cui effetti benefici, soprattutto in ambito medico, iniziano a riscontrare sempre maggiori successi terapeutici.

 

Per la diretta video, cliccare qui.

Dopo di noi, approvata la legge

Martedì 14 giugno, alla presenza di oltre quattrocento Onorevoli, la Camera ha approvato in via definitiva la legge “Dopo di noi”, sostenuta dal Partito Democratico e richiesta da numerose famiglie con figli o parenti prossimi disabili gravi, per garantire a questi ultimi la giusta assistenza anche a seguito della scomparsa dei propri cari.

Una legge che introduce misure a tutela di disabili gravi, durante e dopo la scomparsa dei genitori, attraverso la progressiva presa in carico della persona interessata. Si parla di aumento delle tutele e potenziamento dei diritti delle persone disabili, muovendosi nel solco dell’articolo 19 della Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità, che riconosce l’eguale diritto di tutte le persone con disabilità a vivere nella comunità, con la stessa libertà di scelta delle altre persone, e di scegliere dove e con chi vivere. A tal fine, è prevista l’introduzione di un Fondo che finanzierà, tra gli altri, lo sviluppo di programmi di accrescimento della consapevolezza, di abilitazione e di sviluppo delle competenze per la gestione della vita quotidiana e per il raggiungimento del maggior livello di autonomia possibile delle persone disabili.

E’ la prima volta che vengono stanziate risorse strutturali per politiche di aiuto concreto e misure integrate, mettendo la persona disabile al centro di un progetto individuale, per un totale di 270 milioni di euro.

Questo il commento degli esponenti del PD:

Un traguardo importante verso un welfare più moderno, che colma una lacuna e restituisce serenità, autonomia e inclusione sociale. L’obiettivo è quello di una progressiva presa in carico della persona con disabilità già durante l’esistenza in vita dei genitori e con il suo pieno coinvolgimento nelle scelte di vita.

 La persona al centro e prima di tutto!

 

Ecco un video che spiega e riepiloga le novità introdotte dalla legge:

Allegati
Dossier
Testo del DDL