Tumore del seno: ‘Giornata’ anche per chi non ne guarisce

Esponenti di diversi partiti politici, aderendo all’appello di Europa Donna Italia, appoggiano la richiesta dell’istituzione di una Giornata Nazionale dedicata alle donne con tumore al seno metastatico

Presentate in Senato, nell’ambito di un convegno organizzato da Europa Donna Italia, due proposte di legge depositate rispettivamente al Senato e alla Camera, che prevedono provvedimenti specifici a supporto delle donne con tumore al seno metastatico e l’istituzione, il 13 ottobre, di una Giornata nazionale dedicata a questa speciale tipologia di pazienti. “L’evento – ha commentato Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia – testimonia la capacità aggregante di un tema drammaticamente attuale. Istituire e ufficializzare una Giornata dedicata al tumore al seno metastatico sottolineerebbe l’apertura e il riconoscimento della società civile verso le 35 mila pazienti croniche italiane”.  “Porre l’attenzione al tumore metastatico, che colpisce oltre 35 mila donne, sostenendo l’istituzione di una giornata dedicata, significa dare voce a tutte le donne che nel corso della malattia invece di guarire si ritrovano a dover ripercorrerla una seconda volta – ha dichiarato Paola Boldrini, senatrice PD e prima firmataria di un disegno di legge attualmente all’esame della Commissione Sanità del Senato – noi dobbiamo reinserirle nel percorso delle Breast Unit e dare loro sostegno, oltre ad individuare per loro linee guida e modalità di sostegno specifiche”.

“C’è necessità di affrontare in modo pieno e specifico il tumore mammario metastatico. Chi vive questa esperienza chiede una maggiore attenzione, più ascolto e supporto dentro percorsi che solo le competenze trasversali dei centri specializzati di senologia (Breast Unit), da rendere una realtà concreta e capillare in tutta Italia, possono dare – ha commentato Luca Rizzo Nervo, deputato PD e primo firmatario di una proposta di legge presentata alla Camera – serve poi semplificare le procedure di accesso alle informazioni sulle tutele previste dalla legge, in ambito lavorativo primariamente, con particolare riferimento alla verifica di una piena e omogenea attuazione su tutto il territorio nazionale. Per questo è il tempo di una legge che affronti in modo organico tutto questo. Per questo è bene un dibattito pubblico sul tema”.  “Istituire una giornata dedicata rappresenterebbe un momento fondamentale per far conoscere la realtà di pazienti affette da tumore al seno metastatico, malate al quarto stadio che hanno scarse possibilità di guarigione e oggi, fortunatamente, tempi più lunghi di sopravvivenza – ha commentato Doriana Sarli, deputata del Movimento 5 Stelle e membro della Commissione Affari Sociali – la necessità di queste pazienti è quella di avere dei percorsi diagnostico terapeutici dedicati e protetti che possano semplificare l’accesso alle cure e per questo c’è ancora molto lavoro da fare”.

All’evento sono intervenuti anche le senatrici Isabella Rauti (Gruppo Fratelli d’Italia), Stefania Pucciarelli (Lega) e l’onorevole Dario Galli (Lega), sottosegretario allo Sviluppo economico. Uno dei principali bisogni di queste donne è proprio quello della solidarietà, per uscire dall’isolamento e superare le paure. È questo il senso dell’istituzione di una Giornata nazionale di sensibilizzazione a loro dedicata, contenuta nelle proposte di legge oggi presentate, accanto ad altre misure altrettanto fondamentali: linee guida nazionali che regolamentino il percorso clinico e assistenziale di queste pazienti, accesso facilitato e omogeneo alle terapie innovative e istituzione di un osservatorio nazionale sul tumore al seno metastatico per implementarne la conoscenza e lo studio della casistica.

Fonte: https://www.liberoquotidiano.it/news/salute/13381473/tumore-del-seno-giornata-anche-per-chi-non-ne-guarisce.html

Eventi: “L’Italia delle donne. Settant’anni di lotte e di conquiste” e “Filo è Festa”.

“Ieri una intensa giornata Ferrarese per l’On. Livia Turco, già Ministra delle Politiche sociali e della Sanità e ora Presidente Fondazione Iotti, che, prima all’Istituto di Storia Contemporanea e poi a Filo è Festa, ha presentato l’ultimo lavoro della Fondazione. Con grande competenza e passione politica, ci ha raccontato il suo impegno per divulgare il libro “L’Italia delle donne”settant’anni di lotte e di conquiste. Un libro che, composto dai saggi di 21 studiose e politiche, porta alla luce in un unico testo tutte le conquiste ottenute dalle 21 costituenti che credevano in un mondo migliore da rendere alle donne che rappresentavano! Inutile dire che c’è ancora molto da fare, ma cominciare a divulgare la storia vissuta dalle “madri costituenti” è un gran bell’inizio!!!
Grazie a Livia per il suo impegno costante!” –
queste le parole della Sen. Paola Boldrini.

Ecco alcune immagini:

 

Rassegna stampa:

Buon anno!

Abbiamo, in tante città, rievocato i settanta anni della Repubblica e del voto alle donne”. Grazie Presidente Mattarella! Nel tuo bellissimo discorso di fine anno non ti sei dimenticato delle donne! Non avevo dubbi! Buon Anno a tutti e che il nuovo anno riesca a ricostruire le “nostre comunità” – queste la parole dell’On. Boldrini in occasione del discorso di fine anno del Presidente della Repubblica.

25 nov. Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.

Oggi è la giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.
Tutte le Deputate oggi indosseranno una coccarda bianca. É un segnale di impegno per contrastare ogni violenza sulle donne, a partire dai fondi messi a disposizione da parte della Ministra Boschi per il sostegno alle vittime e progetti educativi da fare insieme a tutti i soggetti che si occupano di violenza alle donne.

 

Settanta anni dal primo voto delle donne.

Settanta anni dal primo voto delle donne.

Si è svolta questa mattina, presso la Sala della Regina all’interno di Palazzo Montecitorio, l’iniziativa promossa dalle Donne Democratiche PD dal titolo: “La Repubblica delle italiane. Il ruolo delle italiane nella nascita della Repubblica“.

Ecco un breve commento dell’On. Boldrini, presente all’evento:

“Nella “Sala delle Donne”, mai esistita prima di questa legislatura alla Camera dei Deputati, le foto delle Madri della Costituzione.
Erroneamente si é sempre parlato dei Padri della Costituzione, ma si dovrebbe parlare di più anche delle Madri, perché é solo grazie a loro se importanti articoli della Costituzione, uno su tutti l’art.3, sono stati scritti pensando ad un futuro migliore per le donne.
Se molto é stato fatto, é sotto gli occhi di tutti che non é ancora piena l’applicazione di determinati articoli costituzionali e noi dobbiamo raccogliere la sfida per continuare a cercare di migliorare le cose, avendo anche la responsabilità di raccontare più spesso la storia di queste 21 donne di cui poco si sa e di cui nessuno ne parla se non in momenti commemorativi” #lastoriasonoancheloro

Iniziativa: 70esimo dal voto delle donne

In Italia le donne votarono per la prima volta nel corso delle elezioni amministrative del marzo e aprile 1946 e, successivamente, per il celebre referendum monarchia/repubblica (2 giugno 1946).
Se ne volete sapere di più……..vi invito a partecipare venerdì 11 marzo alle 17,30 presso la Biblioteca Comunale ” Aldo Luppi” di Porotto“.
Questo l’invito diretto dell’On. Boldrini a partecipare all’iniziativa organizzata dall’associazione UDI.

UDI

Mozione 70esimo anniversario del voto alle donne

Ecco il pensiero dell’On. Boldrini nella giornata internazionale della Donna:

In occasione della Giornata internazionale della Donna, sta intervenendo in aula, per la dichiarazione di voto, l’On. Chiara Gribaudo del Gruppo PD.
Stiamo approvando una mozione presentata dal nostro gruppo, che ho sottoscritto, concernente il Settantesimo anniversario del voto alle donne, ricordando le Costituenti.
Molte cose sono state fatte, ma molte ancora sono da fare ed é per questo che tra i tanti impegni che chiediamo al governo è anche quello di promuovere e rafforzare la tutela dei diritti delle donne, affrontando le cause strutturali delle discriminazioni basate sul genere e a favorire il contributo specifico e unico delle donne nei tavoli di mediazione internazionale che affrontano le gravi crisi politiche e umanitarie in varie aree del globo“.

UDI2

Convegno: “Le donne per la farmaceutica, la farmaceutica per le donne”

Oggi, 7 marzo, Farmindustria ha organizzato, al Tempo di Adriano, in Piazza di Pietra, un Convegno dal titolo: “Le donne per la farmaceutica, la farmaceutica per le donne”, dove si è parlato della ricerca per la medicina di genere.
Sono intervenute anche Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Tiziana Bocchi.

Ecco alcune foto:

12794448_10204257461075447_2486627305921624288_n 12821427_10204257461315453_1096832144045325617_n

Allegati
Programma e locandina

Camminata della Mimosa per la salute

L’UDI di Porotto ha organizzato, questa mattina, a Porotto, una camminata della mimosa per la salute storica gara che negli anni ’80 e ’90 richiamava tantissimi podisti  nella prima settimana di marzo a darsi battaglia sulle strade fra Porotto, Fondo Reno e Borgo Scoline in una gara che allora era di carattere competitivo.
Hanno partecipato quasi 400 persone nella fitta nebbia (oltre 200 donne, quasi altrettanti uomini e 40 bambini).

camminata2

Ecco le immagini:

camminata